ASSOCIAZIONE
ROCCASTRADINI NEL  MONDO

link al sito del Comune di Roccastrada

L'Associazione, la cui adesione è libera e gratuita,  raccoglie le istanze, le esperienze e  i contributi di tutti i roccastradini doc sia nativi che non,  per migliorare i rapporti interrelazionali  fra il  territorio e la gente che lo abita o che l'ha abitato

Cariche associative 

Giorgio Martellucci - Venezia - presidente - Tf  041 5700305
Alceo Bacci - Pordenone - vice presidente Tf 0434 949386
Fernando Santoni -  Follonica - tesoriere
Tf  0566 42192
Mario Amerini - Roccastrada - segretario Tf  0564 565063

EMAIL

da sx Bacci - Martellucci - Santoni - Amerini

 

ASSOCIAZIONE ROCCASTRADINI NEL MONDO

PIANO TRIENNALE PER LE ATTIVITA’
2004 – 2006

Un patto per Roccastrada
L'assemblea dell'Associazione Roccastradini nel Mondo ha elaborato
il seguente programma di attività per il periodo 2004-2006.

Gli scopi sono:

  • sviluppare il ruolo e le attività delle Comunità dei Roccastradini
    nel Mondo come centri di irradiazione della cultura, delle tradizioni,
    dei valori e delle attività di Roccastrada, del suo territorio, della
    Maremma, della Toscana, dell'Italia nel mondo;
  • costituire il Consiglio dei Roccastradini nel Mondo per riunire
    tutte le Comunità e costruire assieme politiche per le Comunità
    Roccastradine che vivono in altri Paesi;
  • diffondere la conoscenza di Roccastrada e del suo territorio, della
    Maremma e della Toscana tra le giovani generazioni, figli e nipoti dei
    Roccastradini residenti anche all’estero, con una particolare attenzione
    alla conoscenza dell’arte e della cultura d'origine, come veicolo
    di legame con le tradizioni, anche attraverso il commercio e le
    attività economiche;
  • organizzare incontri fra giovani Roccastradini che vivono anche
    all’estero, con i loro coetanei residenti in Roccastrada, per confrontare
    esperienze e sviluppare comuni iniziative.

Il programma guarda alle Comunità dei Roccastradini nel mondo come ad
una risorsa per accrescere la internazionalizzazione di Roccastrada e del
suo territorio, della Maremma e della Toscana, e mira ad un rafforzamento
dei rapporti e delle azioni destinate, in particolare, alle giovani generazioni.

Il riferimento normativo

Le attività rivolte alle Comunità Roccastradine nel mondo muovono da
un quadro regionale di attenzione che si fonda sulla legge regionale
n.19 del 9 Aprile 1999.

Linee di attività 2004-2006
Fra le attività previste per il triennio 2004/2006 ci sono, come prioritarie,
la ricerca dei Roccastradini sparsi nel mondo e la creazione ed il
potenziamento dei rapporti fra le attività culturali svolte dalle Associazioni
consimili in Toscana e gli Istituti di Cultura Italiana all’estero, al fine di
meglio posizionare, nel quadro dei rapporti bilaterali con le diverse zone
d'Italia e i diversi Paesi nel mondo, i nostri compaesani emigrati così da
favorire la diffusione della cultura e delle tradizioni Roccastradine
e toscane nel mondo.

La valorizzazione delle Comunità Roccastradine
Lo scopo principale, partendo dal riconoscimento di soggetti ormai
inseriti nelle società di altri Paesi, è quello di favorire un più intenso
raccordo fra Roccastrada e le realtà di quelle zone d'Italia e di quei
paesi nel mondo dove sono presenti le nostre Comunità di Roccastradini,
per promuovere l’immagine, la cultura ed i valori del territorio
maremmano e della Toscana, sostenendo la lingua e la cultura italiane.

La legislazione regionale, fra l’altro, prevede anche la possibilità di
un ampliamento dell'Associazione ad altri che, pur non essendo di
origine roccastradina, guardano a Roccastrada e alla Toscana
per i suoi valori e per le sue tradizioni.

Il sostegno dell'Associazione
Per quanto riguarda l'Associazione come istituzione, è importante
attivare un'opera di sostegno affinché cresca la presenza attiva ed
il legame con il territorio di residenza, in modo da rendere più
forte l’immagine di Roccastrada, della Maremma e della Toscana.
Per realizzare questa condizione occorre:

  • stabilire rapporti istituzionali solidi con le amministrazioni
    locali, Comune, Provincia e Regione, per la concertazione
    di specifici progetti comuni;
  • aprirsi a tutti coloro che amano Roccastrada, la Maremma e
    la Toscana, in modo che possano trovare, nell'Associazione,
    un punto di riferimento e di contatto importante;
  • promuovere le attività sociali che rappresentano un forte punto
    di aggregazione della Comunità e di conservazione delle tradizioni.

L'Associazione dovrà inoltre cercare anche più stretti contatti con
altre associazioni, per lavorare su progetti comuni, in modo da rafforzare
la Comunità dei Roccastradini anche all’estero.
Nell’ambito delle attività di promozione economica, si dovrà ricercare
un costante rapporto con cittadini, istituzioni e associazionismo:

  • con una tempestiva informazione delle iniziative da realizzare;
  • promovendo la convocazione di incontri in occasione di visite
    di delegazioni da e per Roccastrada;
  • valutando opportunamente i progetti presentati secondo
    le modalità previste dalle leggi nazionali e regionali in materia.

Per l’insieme di queste attività è indispensabile sollecitare l’impegno
ed il coinvolgimento delle forze più giovani interessate a conservare
il rapporto con la terra di origine.

Occorre poi operare in modo tale da coinvolgere la fascia d'età
compresa fra i trenta ed i quaranta anni, in grado di garantire
una migliore continuità di vita all'Associazione ed al suo rapporto
con Roccastrada.

Le giovani generazioni
Un'attenzione particolare va data alle più giovani generazioni.
Il triennio programmato deve servire ad impostare le nuove leve
che possano integrarsi nella vita dell'Associazione, conservandone
la vitalità associativa e, nello stesso tempo, ad avviare nuove attività.
In questa prospettiva, riscoprire Roccastrada significa - per le più
giovani generazioni - vedere non solo la Roccastrada della Storia e
dell'ambiente incontaminato, ma anche quella della gente, dei valori
e delle tradizioni radicate nel territorio: un immergersi più concreto
nella realtà territoriale. Per i giovani residenti significa anche scoprire
che esiste una Roccastrada al di fuori di quella attuale che, pur nel
progresso dei tempi, ha mantenuto solide le proprie radici.
Per questi motivi l’impegno dell'Associazione verso le più giovani
generazioni costituisce la priorità del Piano.

La Conferenza mondiale dei Giovani Roccastradini
Nel futuro si prevede di realizzare una prima Conferenza Mondiale
dei Giovani Roccastradini nel Mondo, in particolare per potenziare
specifiche forme di comunicazione appositamente dedicate alle
più giovani generazioni, favorendo ed agevolando il contatto delle
stesse con i giovani residenti in Roccastrada.

Borse di Studio
Si ritiene di dover incentivare l'istituzione di borse di studio di vario
livello intervenendo così sull’insieme delle fasce più giovani ed
utilizzando le risorse di cui dispone il territorio come la struttura
scolastica locale, l'Università di Siena e il suo distaccamento
di Grosseto, l'Università di Pisa e Firenze e le Aziende interessate
a rafforzare i collegamenti con le Comunità residenti in Italia
ed all’estero.

Corsi di lingua e cultura italiana
E’ opportuno proporre la scelta di corsi, riservati ai giovani Roccastradini
all'estero, per consentire l’apprendimento o il perfezionamento della
lingua italiana ai diversi livelli.

Progetto giovani
L’insieme di queste attività ci porta a proporre un vero e proprio
"Progetto Giovani"
su cui concentrare le risorse, per migliorare
gli interventi già previsti per questo delicato ed importante settore.

Si possono tracciare le linee di intervento per il futuro, evidenziando
alcuni settori:

- potenziamento del sito internet anche con la traduzione in altre lingue;

- distribuzione di films, giornali, libri e pubblicazioni varie attinenti
l'argomento del progetto;

- formale richiesta di collaborazione con gli Istituti di Cultura
presenti all’estero;

- offerta di proposte di stages, soggiorni e scambi da e per Roccastrada,
diversificati per durata e modalità di partecipazione;

- verifica della possibilità di dare avvio ad un progetto di scambi fra
giovani di località e paesi differenti, in modo da costruire una rete di
rapporti che abbiano come denominatore comune l’identità roccastradina
e toscana.

L’informazione e la documentazione su Roccastrada
Per informare le Comunità Roccastradine in Italia ed all’estero occorrerà
promuovere una pubblicizzazione capillare e costante sui mezzi di comunicazione.

L'Associazione di servirà della stampa locale, anche specializzata, e di
quella dell'associazionismo e degli Enti Locali che, nella loro capillarità,
sono in grado di attivare importanti legami di vita comunitaria.
Durante questo triennio saranno avviate attività specifiche per valutare
la possibilità di realizzare anche mostre destinate, in maniera specifica,
a musei o centri d’arte nei quali siano rappresentate le nostre Comunità.
Va presa anche in considerazione la possibilità di progetti cinematografici
che offrano immagini e storie ambientate nella nostra Roccastrada e
nel suo territorio. Un progetto particolare dovrà essere avviato per
definire una rete permanente di comunicazione, secondo le più moderne
tecnologie, anche mediante la video-conferenza.

Pubblicazione ‘Roccastradini nel Mondo’
Una particolare attenzione dovrà essere data all’informazione, realizzando
la pubblicazione "Roccastradini nel Mondo", prevedendo sia di inserire
sintesi in differenti lingue, che una sua inclusione nel sito internet.

Progetti di iniziativa territoriale
L'Associazione si confronta con Comunità perfettamente integrate nella
zona o nel paese in cui vivono, e che guardano a Roccastrada non solo
come alla propria terra di origine, ma anche come ad una terra che rappresenta
un importante riferimento nel mondo: per tutti, basta citare la vera e propria
passione verso la Toscana presente nel mondo anglo-sassone. Le nostre
Comunità possono quindi svolgere un ruolo importante per mantenere viva
questa attenzione verso Roccastrada ed il suo territorio, la Maremma e la
Toscana. e da parte dell'Associazione dovrà esserci un impegno per fornire
loro strumenti che facilitino l'inserimento delle realtà socio economiche del
paese di origine nelle loro realtà locali in Italia e all'estero.

La Roccastradinità all’estero: la bandiera ed il gonfalone di Roccastrada
L'Associazione intende creare le possibilità e le condizioni per i Roccastradini
nel Mondo di mantenere vivo il ricordo della propria terra di origine e
consentire ad essi, con particolare riferimento alle giovani generazioni,
di rafforzare il legame storico, culturale, linguistico con Roccastrada,
il suo territorio, la Maremma e la Toscana. Riteniamo che, fra i vari modi
di rafforzare tali legami, vi sia anche quello di dotare l'Associazione stessa
e le singole Comunità di bandiera e gonfalone del Comune di Roccastrada.

L’origine del simbolo di Roccastrada "il castello con tre torri" risale al
Rinascimento, periodo di grande evoluzione della cultura toscana nel
mondo, origine e orgoglio del sentirsi roccastradino, così come lo è il
dipinto medioevale del "Guidoriccio da Fogliano alla conquista di Montemassi",
emblema internazionale del nostro territorio.

Inoltre, come da regolamento regionale, l'Associazione e le Comunità dei
Roccastradini nel mondo ad essa collegate potranno dotarsi del gonfalone
e della bandiera della Regione Toscana, come momento di consacrazione
riconosciuta delle attività profuse a favore della "Roccastradinità" e
della "Toscanità" nel mondo.

Il Turismo di ritorno
Una attenzione particolare verrà dedicata alla vita associativa, agli incontri,
alle riunioni che caratterizzano le iniziative dell'Associazione, per mantenere
vive le tradizioni Roccastradine, la lingua e la cultura italiane. Le Comunità
dei Roccastradini nel Mondo possono d’altra parte svolgere un ruolo
importante per attività di assistenza e consulenza nella promozione economica:
in questa direzione assume una rilevante importanza il progetto sul turismo
di ritorno mediante la predisposizione, assieme agli operatori turistici, di pacchetti
e offerte per la visita di Roccastrada e del suo territorio, della Maremma,
della Toscana e dell’Italia. Su questi obiettivi, in particolare, sarà richiesta
la collaborazione dell'Istituto Tecnico Superiore per il Turismo di Roccastrada
e quella del Comitato per i gemellaggi del Comune di Roccastrada.

Le ricerca sulla storia della emigrazione roccastradina
Gli archivi e la storia dell'emigrazione roccastradina devono rappresentare
un altro degli aspetti centrali della attività del triennio programmato,
sviluppando un forte impulso e un insieme di azioni che abbiano positive
ricadute sul territorio roccastradino.

Fra le attività occorre ricordare i progetti di "ricerca sulla storia dell'emigrazione
roccastradina", che rappresentano un elemento importante del
recupero della memoria.

La scelta dell'Associazione è quella di conservare la memoria del luogo
di origine, cercando di creare centri di ricerca e realizzare un collegamento
stabile fra tutte queste realtà. A tale scopo dovrà essere richiesta la
collaborazione delle scuole locali.

Le mostre
Verrà promossa una Mostra sulla storia dell’emigrazione
"
Gente di Roccastrada - Nostre storie nel mondo", in raccordo con altre
iniziative presenti in Toscana. La mostra dovrà essere destinata alle
Comunità in Italia ed all'estero, in particolare alle scuole, in modo che
anche Roccastrada ricordi i propri concittadini all’estero e, più in generale,
l’imponente fenomeno dell'emigrazione che ha toccato anche la nostra
terra ed inciso sulla sua storia.

La realizzazione della Mostra, abbinata alla produzione di un CD-ROM
della stessa, costituisce un notevole veicolo di promozione e pubblicità.

I soggiorni a Roccastrada per anziani
L’iniziativa è destinata agli anziani Roccastradini nel mondo, attingendo
a finanziamenti pubblici ed all'ospitalità roccastradina.

Il sostegno straordinario a Roccastradini disagiati
I singoli componenti dell'Associazione, dopo aver assicurato la più ampia
pubblicità alla presente iniziativa di carattere assistenziale ed umanitario,
dovranno segnalare in via discrezionale quei Roccastradini nel mondo,
o loro famiglie, che si trovino in grave disagio economico in Italia o
all'estero, per l'accesso a contributi di sostegno.

All’intervento verrà assicurata la massima riservatezza relativa al caso
singolo, ma ampia pubblicità dell'iniziativa sociale nel suo complesso,
per favorirne conoscenza ed estensione anche ai Roccastradini nel
mondo non aderenti all'Associazione, per avvicinarli a questa realtà di
condivisione e di solidarietà.

Per queste attività di assistenza si prevede una collocazione all’interno
delle attività promosse già a livello territoriale dagli Enti ed Associazioni
competenti, e quindi in stretto raccordo con il Comune di Roccastrada,
in modo da realizzare sinergie anche con le risorse regionali.

L’azione sarà limitata agli interventi di emergenza.

I rientri
In riferimento ai temi riguardanti i rientri definitivi degli emigranti dall'Italia
e dall'estero, date le potenziali forti richieste in questo senso,
occorrerà destinare risorse specifiche per facilitare il reinserimento
in Roccastrada dei richiedenti o specifici aiuti per il trasporto delle salme.

Programma finanziario
Per far fronte ai progetti tracciati in queste linee di attività, si prevede un
impegno finanziario.

L'Associazione, per il reperimento delle risorse, si propone come raccordo
progettuale e come promotrice di coinvolgimento di altri soggetti,
quali Università, Camera di Commercio, Regione, Provincia, Comune,
Comunità Montana ed associazionismo locale, con il preciso scopo
di rafforzare i legami fra Roccastrada e le sue Comunità sparse nel mondo.

Considerate le priorità indicate dal presente Piano e le attività in esso
prospettate, si può ipotizzare la seguente ripartizione di incidenza
delle varie attività, e quindi delle eventuali risorse anche economiche,
in riferimento ai settori ed alle voci specifiche.

Il Piano di ripartizione delle risorse prevede investimenti fino al:

50% Per iniziative a favore dei Giovani residenti in Italia e/o all’estero quali:

    • Corsi di formazione linguistico culturale
    • Borse di studio
    • Sito Internet
    • Progetto Giovani

20% Per il sostegno al funzionamento delle:

    • Comunità e/o coordinamenti zonali e continentali
    • Funzionamento dell'Associazione
    • Progetti socio-culturali

15% Per interventi sociali quali:

    • Sostegno straordinario ai Roccastradini nel mondo disagiati
    • Soggiorni a Roccastrada per anziani
    • Contributi spese per il rientro definitivo

15% Promozione della cultura, ricerca e documentazione, quali:

    • Finanziamento a progetti speciali
    • Acquisizione e distribuzione di materiale informativo
    • Ricerca e documentazione sull’emigrazione roccastradina

Si prevedono inoltre risorse specifiche per l'organizzazione della Conferenza
Mondiale dei Giovani Roccastradini.

Il Consiglio Direttivo

 

ASSOCIAZIONE ROCCASTRADINI NEL MONDO

STATUTO

ART. 1 – COSTITUZIONE

E’ costituita l’"Associazione Roccastradini nel Mondo" (di seguito denominata ARM),
con sede in Roccastrada, Corso Roma n. 8 presso la Biblioteca Comunale.

La genesi dell’Associazione è direttamente riconducibile alle esperienze ed iniziative
maturate con i gemellaggi operati dal Comune di Roccastrada, con le visite in
Italia ed all’estero delle varie associazioni roccastradine e con i tradizionali
"Festeggiamenti Settembrini di Roccastrada", quando il contatto con i
Roccastradini emigrati in Italia ed all’estero si fa più vivo che mai.

L’Associazione adotta, come segno distintivo, il globo terrestre con al centro
stilizzate le tre Torri stilizzate del Comune di Roccastrada, che sostengono il
globo terrestre circondato dalla scritta "Roccastradini nel Mondo".

L’ARM si ispira ai contenuti ed alle norme espresse nelle Legge 266/91, nel
D. Lgs. 460/97 e nella legge regionale n. 19/99.

ART. 2 – SCOPI

L’ARM è apartitica, non persegue finalità di lucro, opera autonomamente
e riunisce attorno a sé tutti coloro che desiderano concorrere alla tutela
degli interessi generali di Roccastrada e del suo territorio, al suo sviluppo,
valorizzazione, elevazione civica, sociale e culturale, favorendo le relazioni
umane al di sopra delle ideologie e sviluppando il reciproco senso di amicizia
e di fraternità, nel superiore interesse di Roccastrada, del suo territorio,
dei suoi cittadini ed ex-cittadini.

Perseguendo pertanto fini di carattere morale, culturale, assistenziale e
di umana solidarietà, in particolare l’Associazione si prefigge di:

  1. contribuire al progresso di Roccastrada e del suo territorio, dei suoi
    cittadini e di tutti coloro che, pur essendo di origine roccastradina,
    si trovano a risiedere attualmente in Italia od all’estero, tutelandone
    l’immagine con i necessari interventi di carattere socio – culturale
    od economico;
  2. supportare i soggetti svantaggiati presenti nel territorio roccastradino,
    agevolandone l’accesso ai servizi sociali, facilitandone in tal modo
    l’integrazione;
  3. proporsi come struttura di collegamento per Enti, Associazioni e categorie
    che perseguano finalità analoghe a quelle dell’ARM;
  4. ricercare, conservare, divulgare e tutelare la memoria storica della
    "roccastradinità" in Italia e nel mondo, facilitando la creazione ed
    il rafforzamento di rapporti di amicizia, culturali e sociali tra residenti
    ed emigrati (e loro eventuali discendenti);
  5. promuovere e patrocinare scambi di tipo culturale, socio – economico
    e produttivo con Enti e strutture imprenditoriali e professionali
    pubbliche e private, in Italia ed all’estero, tramite visite, corsi di
    aggiornamento e perfezionamento professionale, borse e viaggi
    di studio, seminari, conferenze, convegni, pubblicazioni anche
    periodiche su storia, cultura, tradizioni, realtà economica,
    industriale ed artigianale del territorio di Roccastrada;
  6. collaborare con le Pubbliche Istituzioni, nazionali ed estere,
    per il conseguimento delle finalità dell’Associazione;
  7. accedere ai finanziamenti pubblici, accettando anche eventuali
    elargizioni od oblazioni provenienti da Enti o soggetti privati;
    utili, proventi ed avanzi di gestione saranno destinati al perseguimento
    delle finalità istituzionali ed all’assolvimento delle connesse attività.

ART. 3 - ASSOCIATI

Premesso che le adesioni sono del tutto volontarie, possono far parte
dell’"Associazione Roccastradini nel Mondo":

  1. i Roccastradini emigrati in altre località ed i loro discendenti;
  2. i cittadini attualmente residenti nel territorio di Roccastrada;
  3. i cittadini italiani e stranieri che, pur non essendo nati o residenti
    a Roccastrada, condividono gli intenti dell’ARM e sono disposti
    a sostenerne le finalità.

L’ammissione del Socio nell’Associazione, previo parere favorevole del
Consiglio Direttivo, è subordinata al rispetto del presente Statuto ed al
regolare versamento della quota associativa stabilita dagli Organi direttivi.

Le prestazioni a qualunque titolo fornite dagli associati sono
completamente gratuite.

ART. 4 – ANNO SOCIALE

L’anno sociale decorre dal 1° agosto e si conclude il 31 luglio.

ART. 5 – COSTITUZIONE DI SEZIONI IN ITALIA ED ALL’ESTERO

Tre o più associati , con idonei atti formali, possono costituire in Italia ed
all’estero ulteriori Sezioni dell’Associazione, cha assumeranno la
denominazione "Associazione Roccastradini nel Mondo –
Comunità di _________"
. Per tali Sezioni varranno comunque le
norme del presente Statuto, fermo restando che non potranno,
in ogni caso, assumere impegni od obblighi che possano coinvolgere
l’ARM, senza preventiva autorizzazione scritta ricevuta dall’Associazione
stessa.

La costituzione della Comunità è subordinata all’approvazione del
Consiglio Direttivo.

Qualora l’entità numerica degli associati non consenta in determinate località
la costituzione di Sezioni, l’ARM potrà essere rappresentata da singoli
associati, in qualità di Corrispondenti esterni.

ART. 6 – ORGANI SOCIALI

Gli Organi Sociali dell’Associazione sono:

  • l’Assemblea degli Associati;
  • il Consiglio Direttivo;
  • il Presidente;
  • il Vicepresidente;
  • il Tesoriere;
  • il Segretario.

Tutte le cariche associative sono a titolo gratuito.

ART. 7 – ASSEMBLEA DEGLI ASSOCIATI

L’Assemblea è composta da tutti i Soci ed è l’Organo sovrano
dell’Associazione.

E’ convocata dal Presidente almeno una volta nel corso dell'anno sociale,
entro il primo trimestre presso la sede sociale od in altra più opportuna
scelta dal Consiglio, per procedere all’approvazione del bilancio annuale.
L’Assemblea potrà essere tenuta anche con l’ausilio dei mezzi informatici,
con possibilità di presenziare anche tramite Internet con audio
o video conferenza.

La convocazione dei Soci avrà luogo, tramite lettera od e-mail, con almeno
trenta giorni di anticipo rispetto alla data prefissata, con chiara indicazione
di data, ora, località ed Ordine del Giorno.

La seconda convocazione potrà aver luogo nella stessa giornata, a distanza
di almeno un’ora dalla prima. L’Assemblea sarà presieduta dal Presidente,
e l’eventuale espressione di voto avrà luogo con la modalità del voto palese.
Potranno partecipare alla riunione dell’Assemblea tutti gli Associati in
regola con il pagamento della quota associativa dell’anno precedente.

L’Assemblea risulterà valida:

  1. in 1ª convocazione, con la presenza di almeno la metà più uno
    degli Associati;
  2. in 2ª convocazione, qualsiasi sia il numero dei Soci presenti.

Le delibere saranno adottate a maggioranza semplice dei presenti.

L’Assemblea:

  • elegge Presidente, Vicepresidente, Tesoriere, Segretario e
    Consiglieri, i quali congiuntamente costituiscono il Consiglio
    Direttivo;
  • può modificare lo Statuto o l’Atto Costitutivo;
  • delibera, su proposta del Presidente e d’intesa con il Consiglio
    Direttivo, sugli argomenti regolamentari attinenti all’Associazione;
  • delibera sulle relazioni, nonché sul bilancio presentato dal
    Consiglio Direttivo;
  • delibera, su proposta del Consiglio Direttivo, l’eventuale espulsione
    di Associati ritenuti indegni per gravi motivi;
  • può deliberare sull’eventuale scioglimento dell’Associazione
    e sulla destinazione del patrimonio sociale.

ART. 8 – CONSIGLIO DIRETTIVO

Il Consiglio Direttivo è composto da un minimo di 4 e fino a 10 membri.

Il Consiglio durerà in carica per tre anni ed i singoli membri potranno
essere rieletti.

Le delibere del Consiglio avvengono sempre tramite votazione a
maggioranza semplice.

Qualora dovesse sussistere parità di voti, tra favorevoli e contrari ad
una determinata mozione, prevarrà il voto di chi si trova a presiedere
la riunione (Presidente o Vicepresidente).

Se necessario, il Consiglio ha la facoltà di reintegrare eventuali membri
venuti meno (per dimissioni, decadenza, decesso), con i primi dei non
eletti. Nel corso della prima Assemblea annuale dei Soci si procederà
alla ratifica di tali provvedimenti.

I Membri del Consiglio non ricevono alcuna remunerazione in virtù
dell’assolvimento delle proprie funzioni, fatta eccezione per l’eventuale
rimborso di spese sostenute per attività svolte a favore dell’Associazione.

Le delibere, adottate dal Consiglio, che comportino un qualunque onere
di carattere finanziario, divengono esecutive solo in presenza di adeguata
ed accertata copertura finanziaria.

Il Consiglio è solidalmente responsabile per ogni eventuale irregolarità
commessa collegialmente, ai sensi di legge.

Il Consiglio Direttivo:

  • delibera lo schema di bilancio preventivo e consuntivo, elaborando
    quindi il bilancio definitivo da sottoporre all’Assemblea nel corso
    della convocazione annuale;
  • provvede al conseguimento degli scopi associativi, sulla base delle
    deliberazioni dell’Assemblea;
  • valuta e, se del caso, accetta l’iscrizione all’ARM di nuovi Associati;
  • delibera sulle eventuali proposte di costituzione di Sezioni
    dell’Associazione;
  • propone l’eventuale nomina di Associati benemeriti, onorari e
    sostenitori, con le relative motivazioni;
  • determina la quota associativa annuale; nonché la consistenza di
    altri eventuali contributi straordinari a carico degli Associati;
  • delibera gli eventuali provvedimenti disciplinari da adottare a
    carico di Associati per ragioni gravi e motivate, proponendone
    all’Assemblea, se del caso, l’espulsione dall’ARM;
  • nomina i rappresentanti dell’Associazione presso Enti esterni o
    per la partecipazione a convegni, manifestazioni, gruppi di studio
    e di lavoro;
  • approva atti gratuiti, concessioni, adesioni e convenzioni con istituzioni
    pubbliche e private, finalizzate al miglior conseguimento degli scopi
    associativi, riferendone quanto prima all’Assemblea dei Soci;
  • delibera l’acquisto di beni mobili necessari per lo svolgimento
    dell’attività istituzionale, o la loro dismissione, riferendone
    quanto prima all’Assemblea dei Soci.

ART. 9 – PRESIDENTE

Il Presidente è eletto dall’Assemblea degli Associati, dura in carica
tre anni ed è rieleggibile.

Il Presidente :

  • è il legale rappresentante dell’Associazione;
  • presiede il Consiglio Direttivo (in caso di impedimento,
    le sue funzioni sono esercitate dal Vicepresidente).

ART. 10 – VICEPRESIDENTE – SEGRETARIO – TESORIERE

Il Vicepresidente, il Segretario ed il Tesoriere sono eletti dall’Assemblea
degli Associati, durano in carica tre anni e sono rieleggibili.

Il Vicepresidente sostituisce il Presidente nelle sue funzioni in
ogni caso di impedimento, anche soltanto temporaneo.

Il Segretario:

  • cura la tenuta e la conservazione della documentazione e
    delle scritture contabili ed amministrative;
  • invia agli interessati l’avviso di convocazione dell’Assemblea
    e del Consiglio;
  • provvede alla stesura ed alla conservazione in appositi libri
    delle note sulle singole adunanze dell’Assemblea e del Consiglio;
  • è autorizzato ad intrattenere rapporti non dispositivi con terzi,
    al fine di agevolare l’esecuzione delle delibere assembleari e
    di Consiglio.

Il Tesoriere:

  • cura il servizio di esazione e di cassa;
  • conserva in un Istituto bancario operante sul territorio
    roccastradino ogni somma raccolta, facendo sì che i relativi
    versamenti vengano effettuati entro sette giorni dalla loro
    riscossione;
  • provvede ai pagamenti deliberati dall’Assemblea o dal Consiglio;
  • redige il rendiconto economico in conformità alle direttive ricevute
    dal Consiglio.

Il Segretario ed il Tesoriere sono tenuti ad informare il Consiglio Direttivo,
ad ogni riunione dello stesso, delle varie attività intraprese o portate a termine.

ART. 11 – PATRIMONIO SOCIALE E PROVENTI

Il patrimonio dell’Associazione è costituito:

  • da tutti i beni mobili ed immobili a qualsiasi titolo acquisiti ed iscritti
    nel Registro dei Beni;
  • dagli eventuali avanzi di bilancio destinati a riserva;
  • dai lasciti e dalle donazioni eventualmente ricevute da Enti o privati.

I proventi dell’Associazione sono costituiti:

- dalle quote periodicamente versate dai Soci;

- dai contributi occasionali provenienti da Enti o privati;

- dalle entrate relative ad iniziative ricorrenti od occasionali
(manifestazioni, pubblicazioni ed altro).

ART. 12 – DISPOSIZIONE FINALE

Per quanto non previsto dal presente Statuto, valgono le norme
del Codice Civile e delle leggi speciali in materia.